Nel pallone

11-06-2010

Forse mai come quest’anno il detto “Sell in May and go away” (Vendi in maggio e vai via”) si è dimostrato più azzeccato. Gli indici di borsa hanno bruciato miliardi in sedute caratterizzate da forte instabilità. L’indice VIX “che misura lo scostamento dei prezzi di un paniere di opzioni sull’S&P 500” ha toccato punte di 50, quando la media storica è attorno al 20. La partita che si sta giocando fra ribassisti e rialzisti vede i primi nettamente avvantaggiati grazie all’incerto contesto economico-finanziario. I rialzisti al momento non possono quasi nulla contro avversari sul campo quali: il declassamento del debito greco e spagnolo, la marea nera, la stima BCE di 195 mia € di svalutazioni bancarie, il rallentamento della manifattura cinese, il rischio di fallimento dell’Ungheria, la disoccupazione in Eurolandia ai massimi storici (10,1%) ed un’occupazione statunitense deludente. In questo contesto la parola d’ordine per gli investitori è “ridurre il rischio”: da qui il fuggi fuggi dall’Euro, soffocato dalla crisi dei debiti sovrani, per valori rifugio come il Franco svizzero (ai massimi storici contro Euro) e l’oro. Anche le oscillazioni sul mercato obbligazionario sono piuttosto elevate:  i rendimenti dei paesi europei allargano il premio sui Bund tedeschi ed il costo per assicurarsi il rimborso dei titoli dei paesi in difficoltà è tornato ad impennarsi. La grande sfida degli investitori rimane sullo sfondo ed è quella con la crescita economica, con il risanamento dei debiti statali, con la riforma delle regole finanziarie. Si tratta di un obiettivo ancora lontano che per essere realizzato deve passare, soprattutto in Europa, da misure di “austerità”. La Germania questa settimana ha rotto gli indugi annunciando una manovra correttiva drastica: 80 miliardi di Euro da qui al 2014. Inghilterra, Francia, Italia stanno lavorando nella stessa direzione. La Merkel ha spiegato che vuole fare di necessità virtù e “cogliere l’opportunità” del risanamento. La Germania da prima della classe vuole “dare il buon esempio” agli altri paesi europei. Nei prossimi quattro anni vi sarà una riduzione di 50'000 posti di lavoro statali (difesa e pubblica amministrazione), tagli alle politiche d’assistenza sociale, nuove tasse sull’energia nucleare e aumenti mirati dell’IVA. E’ dal dopoguerra che non si decidevano misure così energiche, quasi disperate. La politica intende dare una risposta forte alla crisi finanziaria. Le premesse per far bene ci sono come sostiene Bernanke, capo della Fed USA, che non crede in una ricaduta nella recessione. I rialzisti subiranno ancora qualche goal, ma la partita è aperta e come affermano gli analisti del CS, per le azioni “si sta avvicinando un punto d’ingresso strategico”. Buoni Mondiali.   

Fabrizio Marcon, L'Informatore, 09.06.2010

L’Affaire Vekselberg e gli orsi russi di Berna

10-06-2010

La multa imposta dalla FINMA al magnate  russo Vekselberg  e  a  suoi soci per la scalata del gruppo Oerlikon  sta  gettando  fiumi  di  inchiostro.   Viktor Veksleberg  (VV),  ricco possidente vicino al Cremlino, a capo del nuovo progetto di rinascita industriale  in  Russia  che  vuol  primeggiare nel settore della nanotecnologia, non ha nascosto la sua irritazione contro le nostre istituzioni. Il conto provvisorio della multa ammonta a chf 40 milioni contro il suo gruppo Renova e il gruppo Victory, veicolo finanziario creato da Ronny Percik , che ha sfruttato alcune carenze del sistema legale per lanciare una scalata del conglomerato industriale tramite esercizio di opzioni sottraendosi all’obbligo di annuncio pubblico.  Vi é anche l’amaro in bocca per le perdite di quasi due miliardi al corso attuale di 7.5  franchi dei titoli acquistati o, forse meglio, trasferiti  da  Victory  a  Renova  al prezzo di 300 franchi svizzeri. VV e Ronny Percick potranno far ricorso contro la decisione della FINMA  presso  il  tribunale  d’appello  a Bellinzona.    Un’incarto  che  scotta, perché un’altra volta in mezzo a una crisi economica, si usa la mano pesante contro i nanerottoli svizzeri a suon di ritorsioni economiche.  La visita del presidente russo Medvedev qualche mese fa ha lasciato sì due bei orsacchiotti alla zoo di Berna ma non ha influenzato il giudizio della FINMA già sotto pressione politica per il caso UBS e che in passato accolse la richiesta di collaborazione del Cremlino, poi annullata dal tribunale  federale,  per  inquisire  un magnate, caduto suo malgrado in disgrazia, e ora in detenzione in Siberia, Michail Khodorkovsky fondatore  del  gruppo  Yukos,  venduto  a prezzo stracciato agli alleati dell’allora nuovo presidente Putin.  La decisione della FINMA quindi ha cancellato il permesso di scalo via Mosca per i voli Swiss verso l’Asia, come pure la licenza a Nestlé d’importare  pollame  in  Russia  dagli  Stati Uniti. Da Mosca si assicura che non vi é alcuna  relazione  con Veksleberg  ma nel frattempo l’amministratore delegato della Renova vola a Zurigo per negoziare una via d’uscita e le voci si  fanno  sentire  per  una  soluzione politica.    Paladino  ne  é  l’avvocato Stauffacher,  fautore  del  ravvicinamento tra i due paesi e il primo svizzero  a  essere  insignito  del  premio Pushkin da Medvedev in persona, in onore dell’amicizia tra i due popoli. Già all’epoca della scalata del gruppo Oerlikon l’attività finanziaria del magnate russo domiciliato in Svizzera non lasciò indifferente, visto il palese conflitto con le regole di domicilio fiscale raggirate grazie all’avviso dei suoi legali.  Tuttavia, ciò che fece specie fu la prospettiva di grossi  affari  per  la  Oerlikon  grazie  alle porte spalancate da VV.  La  strategia  di  un  gruppo  svizzero non sarebbe più dipesa dalla sua eccellenza  tecnologica  e  innovativa, ma dalle connessioni politiche di un uomo ancorato al Cremlino, sorto a notorietà internazionale dopo aver acquistato le famose uova di Fabergé a prezzo fantastici.  Belle prospettive commerciali ma nessuna garanzia di supremazia tecnologica da trasferire a Madre Russia in formato uova di Pasqua. È  bastata  una  crisi  finanziaria  per mettere in luce tutte le lacune del sistema russo, estremamente dipendente dai crediti internazionali malgrado le sue grandi ricchezze, sgonfiando le pretese di chi partiva all’assalto dell’industria occidentale sulla scia dei fondi sovrani.  Una strategia nel segno della libertà di  commercio  piuttosto  che  manu militari arrestatasi quando le banche hanno richiamato i crediti per ragioni di liquidità, mettendo a repentaglio le stesse fondamenta dell’industria sorta dall’economia dei gulag. Questi attacchi indiscriminati contro la Svizzera mettono in risalto tutte le contraddizioni e debolezze di un paese piccolo e prospero.  La vertenza con gli Stati Uniti su UBS, i dati bancari trafugati in Germania, la crisi libica con presa di ostaggi e ora le misure di ritorsione di un grande stato con innate tendenze assolutistiche,  dimostrano  quanto  sia  effimera la nostra posizione.  Nella storia non mancano gli esempi di paesi  fiorenti  ma  piegatisi  per  ragioni politico  militari  alla  forza  dei  più grandi, dai kanati di Buchara e Samarcanda lungo la via della seta alla spartizione della ricca Polonia nel 18mo secolo, e così via. C’é da chiedersi quindi quale sia la miglior  strategia  per  il  futuro  e  se non sia giunto il momento di un’adeguata riflessione che non trascuri neppure gli appelli pagliacceschi alla  guerra  santa  e  allo  smantellamento della Repubblica Elvetica.  Si guarda con meraviglia a un secolo fa quando non ci si piegava dinanzi alla  richiesta  di  estradare  rifugiati bombaroli rei di complottare contro lo zar di tutte le Russie, scatenando la più grande rivoluzione politica del 20mo secolo.  Oggi invece si paventa un compromesso politico e diplomatico chissà se in barba allo stato di diritto.

Achille Piotti, Il Giornale del Popolo, 10.06.2010   

Tornano i profeti delle crisi apocalittiche

26-05-2010

I fantomatici hedge fund manager tornano alla ribalta con profezie apocalittiche sulle sorti dell’euro e dell’Europa civilizzata, quella intendiamoci dello stato sociale del benessere. Soldati di ventura e pirati che scendono dal Tamigi dotati di spade algoritmiche a effetto distruttivo son davanti ai cancelli del castello europeo. Tenteranno un altro colpo, la disintegrazione della singola moneta, cavalcando l’onda recente degli sconquassi finanziari provocati dalla prodigalità dei nostri cugini americani, perno della civilizzazione occidentale la cui fonte sprizza in Europa, così battezzata per la sua fertilità. Memori dei successi recenti ma anche della grande umiliazione impartita alla Sterlina Inglese e alla Lira Italiana quando uscirono dal Sistema Monetario Europeo causa l’ortodossia della Bundesbank e la forza del Deutsche Mark, i modelli quantitativi si son già messi all’opera per ricalcare lo stesso scenario con qualche variazione a regola d’arte generata da programmi autopoietici che vogliono determinare il corso degli eventi. Nell’analisi del linguaggio vi sono segnali inconfondibili e sibillini. Se Paul Johnson il principe della finanza, artefice dello scardinamento dei crediti subprime se ne sta tranquillo non volendo inimicarsi anche i politici europei, i suoi alfieri ripetono a suon di tamburi che vi é una tipica situazione di rischio asimmetrico, la manna dal cielo quando, contro tutte le aspettative, si realizza lo scenario fino allora meno scontato. A Gennaro Pucci, basato a Londra, con rendimenti pari al 19% solo per il mese di Aprile (attenti però a verificare la performance storica), di ribadire cosa arcinota: che il problema dell’Europa é strutturale e non verrà risolto da interventi di politica monetaria. Punto e basta. Nessun altro approfondimento, frasi corte, ermetiche, redatte probabilmente da un ufficio stampa, che risaltano la maestà di indovini con programmi alquanto sofisticati e sfuggono all’intendimento di meri mortali con una semplice cassa pensione. Frasi che hanno un effetto immediato perché riescono a seminare la paura nei mercati e la collera tra chi governa costruendo dal battito di un’ala di farfalla un effetto a valanga amplificato. Che nell’unione monetaria c’é chi gioca al "free rider" o (in italiano) a fare il portoghese, scusate l’accostamento, non rispettando le regole e truccando i conti, che la politica comunitaria sia ostaggio dei parlamenti nazionali e delle loro agende elettorali, che non si é stati capaci neppure di ratificare una costituzione Europea causa referendum popolare di Francia e Olanda, erano cose già scontate e al limite una svalutazione ci sta per ridare un po’ di fiato ad economie strozzate dal rigore fiscale. Quello che però fa specie sono i tempi rapidi di tale svalutazione, pressoché il 20% da inizio anno, e in economia sbalzi improvvisi nuocciono all’equilibrio tanto agognato. Il dollaro si mostra un’altra volta insostituibile, la moneta di riferimento per gli scambi internazionali, così il consenso, mentre il cantiere europeo é ancora all’opera, reagendo in tempi di crisi ai problemi accantonati in tempi di pace per legittima volontà democratica. L’Europa fa paura, troppo complessa, non é l’America che regge le sorti della California in bancarotta. C’è soltanto da augurarsi che le crisi future non vengano risolte a colpi di reni e che i politici in collera non attizzino il banchetto delle paure mandando segnali sbagliati come quando bandiscono le vendite a termine. Non fa che alimentare il dubbio, e si sa, se c’è fumo c’è anche fuoco. Achille Piotti, *VIS-ASSET MANAGEMENT. CHIASSO Giornale  del Popolo,26.5.2010

I mercati finanziari: una tragedia greca

07-05-2010

La tragedia greca è un genere teatrale nato nell’antica Grecia. Raggiunse la sua forma più significativa nell’Atene del V secolo a.C. grazie ad autori quali Eschilo, Sofocle ed Euripide. Questi, in vari momenti storici, affrontarono i temi più sentiti della loro epoca. La tragedia alla quale noi facciamo riferimento è quella della Grecia, è di attualità finanziaria, non è un genere teatrale (ma  potrebbe diventarlo), non è certo epica, ma può essere letta applicando in parte la struttura teatrale classica con un prologo, tre episodi ed un esodo. Il prologo: a metà gennaio l’UE scopre che Atene ha regolarmente edulcorato i propri conti pubblici. Gli episodi: 1) L’Eurogruppo esprime forti preoccupazioni per il deficit greco, prevedendo pesanti ripercussioni sull’euro. Il governo ellenico propone un piano di risanamento. Secondo i primi sondaggi della Reuters, per gli analisti le probabilità che la Grecia cercherà un salvataggio sono al 20%. La BCE, l’FMI e l’Eurogruppo affermano: “ la Grecia non fallirà e non uscirà dall’Eurozona, questa è un’ipotesi assurda”. 2) In febbraio, Sarkozy e Merkel concordano una linea per difendere la solidità dell’euro. La Grecia è alla prova della piazza: cominciano gli scioperi generali per contestare le misure di austerità del governo Papandreu. Le agenzie di rating declassano le cinque maggiori banche greche i cui titoli sprofondano in borsa. L’euro continua a deprezzarsi ed i mercati sono scioccati dal disavanzo di bilancio greco che nel 2009 ha toccato il 12,7%. 3) Il 27 aprile l’agenzia di rating Standard & Poor’s taglia di tre gradini il voto sulla Grecia portandolo dal tranquillo “BBB+” allo speculativo “BB+”. In sostanza la Grecia viene valutata sul mercato obbligazionario come “spazzatura!”. Le borse crollano bruciando in un solo giorno 160 mia Euro e l’Euro precipita ai minimi da un anno contro USD e YEN. L’esodo: si tratta della parte conclusiva della tragedia. Spesso nell’esodo si fa uso del “deus ex machina”, “un personaggio divino che viene calato sulla scena mediante una macchina teatrale per risolvere la situazione quando l’azione è tale che i personaggi non hanno più vie d’uscita”. Il governo greco si rende conto che non ha risorse sufficienti per ripagare i debiti che matureranno il prossimo 19 maggio. L’UE e l’FMI, i nostri dei ex machina, offrono alla Grecia crediti per 110 mia di Euro su tre anni. Secondo gli analisti, l’intervento dovrebbe poter tranquillizzare i mercati internazionali; per la Grecia invece comincerà un lungo periodo di “dure riforme”, di  “sacrifici”; ci sarà il  taglio drastico degli stipendi pubblici, il congelamento delle pensioni, e l’aumento delle tasse. Che sia il prologo di un’altra tragedia?  

Fabrizio Marcon, L'Informatore, 07.05.10

Primo trimestre e prospettive

02-04-2010

Sembra che la primavera sia iniziata anche in borsa. Così, in questo primo trimestre 2010, gli indici principali hanno raggiunto nuove vette. Fra i primi della classe annoveriamo i listini Nasdaq, S&P500, Ftse100 e SMI. Fra gli ultimi troviamo Atene, Madrid e Milano. La strada per tornare ai massimi storici è ancora lunga: lo Swiss Market Index per raggiungere i livelli del maggio 2007 (9600 punti ca.) dovrebbe salire ancora del 40%! E’ chiaro che nei paesi industrializzati con le condizioni economiche attuali caratterizzate da una crescita del PIL sottotono, da consumi timidi, da alta disoccupazione e da debito pubblico alle stelle, il recupero sarà lento. Ciò che importa però è che l’economia sia uscita dalla recessione velocemente. Secondo gli analisti le prospettive globali sono piuttosto rosee. Per il Credit Suisse “nei prossimi mesi la ripresa dovrebbe continuare” grazie “alla ritrovata fiducia di imprese e di consumatori” e ad una politica monetaria che rimane espansiva, ad un’inflazione inesistente (almeno nei paesi del G7). L’aumento dei tassi avvenuto in Cina, India ed Australia riflette semplicemente il fatto che questi paesi registrano i primi aumenti di prezzi essendo avanti nel ciclo economico rispetto agli USA ed all’Europa. La situazione economica mondiale è dunque più eterogenea, con i paesi emergenti (Asia) strutturalmente più solidi. Per gli investitori il mantra è il solito: cavalcare i cicli economici! Negli ultimi trimestri le aziende hanno mostrato una buona dinamica dei risultati, tanto che le revisioni delle stime sugli utili restano positive per l’indice globale MSCI World. Le raccomandazioni degli addetti ai lavori permangono ottimiste e puntano sulle azioni cicliche del settore minerario, dei metalli e dell’energia. Di riflesso l’interesse viene rivolto ai paesi emergenti produttori di materie prime. Statisticamente l’investimento in materie prime, in fondi hedge ed in fondi immobiliari permette di migliorare “l’efficienza” di un portafoglio. Infatti la curva rendimento/rischio si alza indicando che con l’uso di queste classi d’attivi si ottengono a pari rischio, maggiori rendimenti rispetto a strategie di gestione “classiche”. Nel frattempo comunque i fondi strategici delle banche svizzere stanno dando i loro frutti con  performance sull’anno che si situano tra il +4-7% per un portafoglio azionario, tra il +3-6% per un “bilanciato” (50% in azioni), tra il +2-4,5% per un “rendimento” (25% in azioni). I modelli d’analisi tecnica c’informano che alcuni indici di borsa sono vicini a resistenze importanti. Non è quindi escluso che ci saranno delle correzioni ma visti i fondamentali è legittimo aspettarsi dalle borse, come dall’uovo pasquale, altre piacevoli sorprese 

Fabrizio Marcon, L'Informatore, 02.04.10

‹ First  < 40 41 42 43 44 >  Last ›